Leggere a scuola

Giuseppe Sangregorio

Esami di terza media, tutto ciò che occorre sapere per prepararsi al meglio

Come prepararsi al meglio all'esame di terza media

Gli esami di terza media sono finalizzati alla valutazione delle competenze scolastiche acquisite dagli studenti al termine del ciclo triennale di studi, della loro maturazione globale e si articolano in due tappe: le prove scritte e il colloquio.  La data d’inizio varia da scuola a scuola ed è fissata dal Dirigente scolastico.

 

Calendario delle prove scritte

Le prove scritte degli esami di terza media sono cinque: Italiano, Matematica, Lingue straniere (prima e seconda lingua) e la Prova Invalsi.

Prova scritta di Italiano: tende ad accertare il livello di capacità, di rielaborazione e di organizzazione delle conoscenze acquisite, della coerenza e dell’organicità del pensiero, dell’uso appropriato della lingua raggiunti dagli allievi. Questi risultati si ottengono  mediante diversi tipi di tracce, preparate dagli insegnanti di Lettere delle terze classi centrati sulla produzione di un elaborato sotto forma di diario, di cronaca, di lettera, di racconto consentano di descrivere esperienze reali o costruzioni fantastiche; di un tema  su  un argomento sociale o culturale (guerra, pace, solidarietà, emigrazione, globalizzazione, sottosviluppo, diritti umani, ambiente, razzismo, ecc.) in maniera da esprimere riflessioni personali o di una relazione su un argomento affrontato(libro letto, film, visita didattica, gita scolastica, esperimento scientifico, ecc.).

 

Prove scritte di lingua straniera (Prima e seconda lingua, secondo i corsi).

Alla luce della circolare ministeriale n. 46/2011 le prove scritte di lingua straniera degli esami di terza media possono essere effettuate nello stesso giorno o in due. Comunque le prove, secondo la tipologia scelta – brano con domande di comprensione, questionario, ecc. – hanno lo scopo di valutare le capacità di comprensione del candidato e delle abilità linguistiche.

 

Prova di Matematica ed elementi di scienze e di tecnologia.

Tende a verificare le capacità e le abilità di base degli studenti nell’ambito delle discipline scientifiche. Può articolarsi in diversi quesiti che possono vertere su argomenti diversi: aspetti numerici, geometrici,   tecnologici, statistici e di probabilità.

 

Prova Invalsi

L’Invalsi per l’esame di terza media ha carattere nazionale e quest’anno si svolgerà il 16 giugno. Ha l’obiettivo di accertare i livelli generali e specifici di apprendimento, conseguiti dagli allievi in due discipline  scelte dal ministero: Italiano e Matematica.

La prova di Italiano si divide in due parti:

A) comprensione di un brano;

B) una serie di quesiti sulle conoscenze grammaticali (ambedue con quesiti a scelta multipla).

Per quanto riguarda la Matematica sono proposti quesiti anch’essi a scelta multipla su argomenti riguardanti gli argomenti trattati.

Gli alunni Dsa (dislessici) possono svolgere la prova con l’aiuto degli strumenti compensativi utilizzati durante l’anno scolastico.

 

Il colloquio

Il colloquio dell’esame di terza media è condotto collegialmente dalla commissione esaminatrice e riguarda tutte le discipline di insegnamento dell’ultimo anno scolastico, eccetto Educazione religiosa.

La valutazione tiene conto non solo delle conoscenze e delle competenze acquisite, ma anche del livello di padronanza delle abilità trasversali: capacità di esposizione e di argomentazione,  del pensiero riflessivo e critico di valutazione personale.
Giuseppe Sangregorio

 

 

© Riproduzione Riservata
Tags

Giuseppe Sangregorio

Giuseppe Sangregorio è nato nel 1947. E’ laureato in Lettere e ha insegnato nelle scuole medie superiori. In qualità di giornalista pubblicista ha collaborato al Giornale, al settimanale Famiglia Cristiana e al mensile Letture. Attualmente collabora al quotidiano on line L’Intraprendente. Ha pubblicato il romanzo Senza Radici (Ed. Pellegrini, 1983), i volumi di versi Parole di vita(Edizioni Del Leone, 1991), Sassi (Edizioni La vita felice, 2013).

Utenti online