Leggere a scuola

Giuseppe Sangregorio

L’importanza di educare alla lettura nelle scuole

16012014102250_sm_6208

Che in Italia si legge poco è risaputo. Più esattamente secondo i dati del Centro per il libro e la lettura nel trimestre ottobre-dicembre 2010 solo un terzo della popolazione di età superiore ai quattordici anni ha letto e comprato almeno un libro all’anno e gli acquirenti sono in prevalenza laureati o diplomati che risiedono tra il Nord e il Centro Italia e hanno un profilo giovane (25-34 anni).

I “lettori forti”, quelli cioè che leggono almeno 12 libri all’anno rappresentano il 5% della popolazione. Ciò significa che nonostante la progressiva alfabetizzazione del nostro Paese, i lettori sono in diminuzione, negli ultimi anni. Del loro calo e della crisi dell’editoria molto è stato scritto sui giornali e detto in tivù adducendo come principale causa  la  crisi economica. E’ logico che in un periodo economico difficile, le famiglie taglino in primo luogo le spese culturali ma verosimilmente i motivi economici non bastano a spiegare il fenomeno del progressivo calo dei lettori, ci sono motivazioni più profonde.

Probabilmente  allora  è giusto pensare che nel nostro Paese – a differenza di quelli nordici – manchi una capillare educazione alla lettura che, a parere degli esperti, nasce fin da piccoli – addirittura in età prescolastica – nelle famiglie e nelle scuole. Per avere dei “lettori forti”, insomma, bisogna educarli fin dalla tenera età, offrendo loro in lettura libri adatti all’età e alle capacità di comprensione, diversamente la lettura sarà considerata  un obbligo scolastico, non un piacere e con la crescita i giovani smetteranno di leggere.

Fondamentale, pertanto, resta sapere educare alla lettura. Normalmente, è un buon lettore chi ha avuto come iniziatore alla lettura un genitore  che prima di addormentarsi ha letto al proprio figlio un libro o un buon maestro o un buon insegnante che ha saputo appassionare i suoi allievi. Oggi, invece, nelle scuole purtroppo si legge poco e male. Come avvicinare i ragazzi alla lettura in un mondo sollecitato da una quantità di stimoli (televisione, computer, tablet, cellulari, ecc.),  che troppo spesso distolgono da una concentrazione che la lettura esige da loro e arriva sempre più debole? Ecco perché gli adulti in primo luogo  devono impedire a ogni costo che i giovani odino la lettura fin dai tempi scolastici, al contrario devono saper trasmettere l’amore per i libri alle nuove generazioni. E se per invertire l’attuale tendenza si ricominciasse anche dalla scuola?  “Leggere a scuola” vuol essere appunto un contributo concreto a favorire l’amore per la lettura nell’età scolastica.

16 gennaio 2014

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione Riservata
Tags
Commenti

Giuseppe Sangregorio

Giuseppe Sangregorio è nato nel 1947. E’ laureato in Lettere e ha insegnato nelle scuole medie superiori. In qualità di giornalista pubblicista ha collaborato al Giornale, al settimanale Famiglia Cristiana e al mensile Letture. Attualmente collabora al quotidiano on line L’Intraprendente. Ha pubblicato il romanzo Senza Radici (Ed. Pellegrini, 1983), i volumi di versi Parole di vita(Edizioni Del Leone, 1991), Sassi (Edizioni La vita felice, 2013).

Utenti online