Leggere a scuola

Giuseppe Sangregorio

Maturità 2015, come prepararsi in vista del colloquio orale

25062015174602_sm_12450

Non c’è una data precisa prestabilita per l’inizio del colloquio, ogni scuola decide autonomamente. E’ l’ultima parte dell’esame ma anche molto temuto dagli studenti. Mediamente dura 40-60 minuti. Il primo requisito è arrivarvi lucidi e distesi. A questo stato psico-fisico può contribuire il sapere che comincia con l’illustrazione del percorso pluridisciplinare concordato durante l’anno scolastico con i propri insegnanti o della tesina.

 

Terminata l’esposizione tale fase, il colloquio vero e proprio che in generale consiste in una serie di domande fatte dai commissari sulle materie oggetto d’esame.  Negli istituti professionali il colloquio può vertere anche su parti pratiche dell’indirizzo di studi. E’ utile ricordare, infine, che nella parte terminale della prova orale i commissari esibiscono ai candidati gli elaborati scritti e gli eventuali errori commessi e dimostrare di essere in grado di correggerli.

 

Consigli

Prima di iniziare l’esposizione è indispensabile che il candidato distribuisca a ogni commissario una copia della mappa  percorso o della tesina affinché possa seguire agevolmente il discorso.

 

Nel corso del colloquio è fondamentale essere lucidi e sobri, non lasciarsi sopraffare dall’ansia, dalla paura o dal nervosismo.

 

I commissari esterni sono delle incognite: potrebbero rendere l’esame più difficile di quanto lo sia affettivamente e anche lo studente più preparato potrebbe essere condizionato. Dunque, se avere una certa dose di ansia o di paura è normale, l’importante è  mantenere sempre l’autocontrollo ed essere educati, maturi e aver studiato perché gli esami di maturità sono il primo vero esame della vita.

 

Giuseppe Sangregorio

 

26 giugno 2015
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione Riservata
Tags

Giuseppe Sangregorio

Giuseppe Sangregorio è nato nel 1947. E’ laureato in Lettere e ha insegnato nelle scuole medie superiori. In qualità di giornalista pubblicista ha collaborato al Giornale, al settimanale Famiglia Cristiana e al mensile Letture. Attualmente collabora al quotidiano on line L’Intraprendente. Ha pubblicato il romanzo Senza Radici (Ed. Pellegrini, 1983), i volumi di versi Parole di vita(Edizioni Del Leone, 1991), Sassi (Edizioni La vita felice, 2013).

Utenti online