Leggere a scuola

Giuseppe Sangregorio

La Buona Scuola rafforza le materie umanistiche

Il 14 gennaio scorso il Ministero della Pubblica Istruzione ha approvato otto deleghe di attuazione della Buona Scuola, definite dal neo-ministro “la parte più innovativa dell’intera riforma”. E, in effetti, i punti qualificanti dei decreti riguardano: 1)il sistema di formazione iniziale e di accesso all’insegnamento nella scuola secondaria di I e II grado; 2)la promozione dell’inclusione scolastica degli alunni con… Leggi tutto

La ”Buona Scuola” e l’importanza dello studio della lingua italiana e della lettura

La “Buona Scuola” – la riforma della scuola emanata recentemente dal governo Renzi –  introduce nella scuola italiana parecchie novità: una maggiore offerta formativa, mediante l’assunzione di circa cento mila precari, il rafforzamento dell’insegnamento di materie quali Storia dell’Arte, Inglese,  Musica e Scienze Motorie, ma non dedica una sola riga al potenziamento dello  studio della lingua italiana né della lettura…. Leggi tutto

La Buona Scuola e la differenza tra ”sapere” e ”saper fare”

Non ci sono buone notizie per la lettura nelle scuole. Nella Buona Scuola – la riforma scolastica varata dal governo in carica – in linea di principio si afferma che “La capacità di leggere e di produrre bellezza è un elemento costitutivo del nostro essere Italiani” ma concretamene non contiene alcuna ulteriore informazione. Le uniche novità sono costituite dal potenziamento… Leggi tutto

Giuseppe Sangregorio

Giuseppe Sangregorio è nato nel 1947. E’ laureato in Lettere e ha insegnato nelle scuole medie superiori. In qualità di giornalista pubblicista ha collaborato al Giornale, al settimanale Famiglia Cristiana e al mensile Letture. Attualmente collabora al quotidiano on line L’Intraprendente. Ha pubblicato il romanzo Senza Radici (Ed. Pellegrini, 1983), i volumi di versi Parole di vita(Edizioni Del Leone, 1991), Sassi (Edizioni La vita felice, 2013).

Utenti online